Seleziona la lingua
English Italiano

Entra nel sito
La nostra filosofia produttiva

Il nostro compito principale è produrre vini di territorio che sappiano esprimere il distinto carattere dei nostri vigneti. Utilizziamo lieviti indigeni quando possiamo e cerchiamo di intervenire il meno possibile durante la vinificazione per permettere a ogni vino di trovare in modo naturale la sua strada e preservare le caratteristiche di ogni lotto di uva. Fermentiamo e maturiamo ogni lotto separatamente per i nostri vini classici, e definiamo il blend finale per ogni vino soltanto dopo il processo di invecchiamento.
Dalla vendemmia 2013 invecchieremo i nostri vini nella nuova cantina alla tenuta Lodola, acquistata nel 2012, che contiene sia le tradizionali grandi botti di rovere di Slavonia che le barriques di rovere francese.
La vinsantaia, dove i nostri Vin Santo e Occhio di Pernice maturano nei "caratelli", piccole botticelle di rovere di 50 litri, si trova invece alla tenuta Le Capezzine.

Enologi

Giampaolo Chiettini

Giampaolo Chiettini Un vino genuino e autentico non ha la necessità di essere continuamente testato e migliorato, ma soltanto di essere bevuto e apprezzato.

Giampaolo, il nostro consulente enologo, ha lavorato in tutte le principali regioni vinicole del mondo ed è per noi una fonte di saggezza e sapere. Laureatosi nella prestigiosissima scuola di agricoltura di San Michela all'Adige a Trento, la sua filosofia sul vino è serafica e generosa come il suo carattere: "non disturbare - il vino sa quale percorso prendere".

Matteo Giustiniani

Matteo Giustiniani Voglio che il mio vino rifletta quanto più possibile il "terroir", affinchè sia unico e piacevole.

Fiorentino di nascita, la sensibilità di Matteo per il terroir è testimoniata dalle aziende vinicole dove aveva deciso di iniziare la sua carriera. Dopo la laurea in enologia e viticoltura all'Università di Firenze, Matteo ha conseguito un master in enologia all'Università di Bordeaux, dove ha potuto anche approfondire le sue conoscenze sui vigneti e sul vino anche grazie al lavoro parallelo in numerose quanto prestigiose aziende vinicole.

Ashleigh Seymour

Ashleigh Seymour Quando mi si presentò l'occasione di lavorare sull'annata 2010 da Avignonesi la presi al volo.

Lavorare per Avignonesi dà ad Ashleigh l'opportunità di far incontrare le tecniche di vinificazione del nuovo mondo con le tradizioni del vecchio mondo. Ashleigh proviene da una delle più famose università di viticoltura ed enologia al mondo, l'Università di Adelaide. Numerose e diversificate esperienze in aziende vinicole australiane ed europee le hanno permesso di sviluppare una profonda comprensione del terroir.

Storie
27 Nov 2013

La vendemmia 2013 di Avignonesi: come sacrificare un vino da 98 punti.

La lunga siccità e le alte temperature estive del 2012, seguite dalle piogge abbondanti durante l’inverno e durante la primavera 2013 hanno lasciato il segno sulle nostre vigne ancora prima della fioritura avvenuta a metà aprile. Le piogge, accompagnate da temperature sotto le medie.. Continua
22 Feb 2013

Un nuovo marchio per Avignonesi: dal blog alla bottiglia

Fin dal 2009, anno dell’acquisizione di Avignonesi, Virginie Saverys si è posta l’obiettivo di produrre vini in grado di esprimere la complessità e la bellezza del terroir di Montepulciano. Ma non solo. Ha attuato anche dei significativi cambiamenti strutturali: ha incoraggiato la conversione.. Continua
29 Ott 2012

Avignonesi Vendemmia 2012 - una fotoreportage

La vendemmia: aspettative, paure e speranze concentrate in poche ma intense settimane. Le scelte di un anno, il metodo di raccolta, la costante attenzione per la nostra uva, la velocità dei ritmi di lavoro, tutto queste cose hanno un impatto profondo sul prodotto finale: i nostri vini. Il.. Continua
08 Giu 2012

Avignonesi si esprime sulla questione sughero vs tappo a vite

Immaginati di essere una bottiglia di vino - un bianco, un rosso o un rosato. Che tipo di tappo vorresti avere? Un tappo di sughero tradizionale, prodotto con la corteccia di alberi? Un tappo sintetico? Un tappo a vite? Tradizione contro comodità, suggestione contro praticità. L’inventore del.. Continua
Leggi più storie